IL SISTEMA NERVOSO

Il sistema nervoso è costituito sia da organi centrali sia da organi periferici.Gli organi del Sistema Nervoso Centrale sono: l'Encefalo, il Bulbo, il Cervelletto e il Midollo Spinale. Esse sono strutture molto delicate e sono avvolte da tre meningi: la Pia Madre, l'Aracnoide e la Dura Madre. Gli organi centrali sono protetti da componenti ossee come il cranio e la colonna vertebrale. Il compito del Sistema Nervoso Centrale è quello di regolare le principali funzioni attraverso una fittissima rete di connessioni. Nell'Encefalo si trovano sia delle aree,  paragonabili a contenitori in cui si accumulano le nuove informazioni, sia delle vere e proprie centraline che verificano e integrano gli stimoli afferenti e attivano gli stimoli efferenti. Ognuna di queste aree, che si possono distinguere in motoria, visiva, sensitiva..., si occupa della nostra vita di relazione e della funzione vegetativa. Questi meccanismi sono localizzati nella materia grigia, che a livello cerebrale si trova nella zona periferica, mentre nel midollo spinale si trova in zona centrale. Accanto alla materia grigia si trova la materia bianca, che ha il compito di trasferire le informazioni e connettere le varie funzioni.

 Il midollo spinale è il prolungamento rachidiano dell'encefalo al quale è direttamente connesso anche se in forma incrociata, difatti la parte destra trova riscontro a sinistra e viceversa. Nel midollo spinale la materia grigia è in posizione centrale e riproduce la forma di una X dove si possono distinguere due corna posteriori e due corna anteriori. Nella parte posteriore le due corna sono sede delle fibre sensitive che conducono gli impulsi dalla periferia al centro, dette vie afferenti. Nella parte anteriore le due corna sono sede delle fibre motrici che conducono gli impulsi di movimento, provenienti dalla "centrale", alla periferia, dette vie efferenti. Il Sistema Nervoso Periferico è costituito dalle Radici Nervose e dal Sistema del Gran Simpatico detto anche Sistema Nervoso Autonomo. Fanno parte del Sistema Nervoso Autonomo l'insieme del Sistema del Simpatico e del Parasimpatico. La sua funzione è quella di controllare la contrazione e la decontrazione della muscolatura liscia viscerale, della muscolatura cardiaca e la secrezione ghiandolare. Il Sistema Nervoso Autonomo è costituito da gruppi di cellule nervose intercalati lungo il percorso dei nervi. Queste cellule nervose agiscono indipendentemente dalla volontà. Questo sistema si divide in due gruppi di cellule a seconda dell'azione che svolgono. Il primo gruppo, le cui fibre nascono nei centri bulbari e craniali, è costituito da cellule del Sistema Parasimpatico (fibre Parasimpatiche) e sviluppa azione inibitrice. Il secondo gruppo, le cui fibre nascono dal midollo e innervano gli organi toracici e addominali, è costituito dal Sistema Simpatico (fibre Ortosimpatiche) e sviluppa azione stimolante. I nervi sono formati da fasci di fibre a costituzione molto complessa alla base delle quali possiamo distinguere i Neuroni con i loro prolungamenti ed i loro rivestimenti mielinici. Accanto ai numerosissimi fasci cilindrici di fibre nervose si riscontra una fitta rete di vasi sanguigni. Le qualità principali dei nervi sono: l'eccitabilità e la conduttività. L'eccitabilità è la proprietà che hanno tutte le cellule viventi di reagire ad uno stimolo, cioè ad un cambiamento nelle condizioni ambientali. Questa proprietà è molto sviluppata nelle terminazioni nervose, nei recettori dove l'eccitazione provocata da uno stimolo determina un cambiamento elettrico. La conduzione è data dalla propagazione di un'onda di eccitazione, detta impulso nervoso, a tutte le cellule ed ai rispettivi prolungamenti. I recettori sono provvisti di una soglia di eccitazione e seguono la legge del tutto o del niente. Cioè un recettore reagisce ad uno stimolo quando questo è superiore alla sua soglia ed in questo caso reagisce al massimo della sua intensità indipendentemente dall'intensità dello stimolo. Sulla radici posteriori si distinguono i Gangli che contengono i neuroni di senso. Dalla base dell'Encefalo e lungo tutto il Midollo Spinale partono dei nervi che vanno ad innervare i vari distretti periferici. I nervi sono degli apparati conduttori che si possono distinguere in due tipi: Afferenti ed Efferenti a seconda se conducono le informazioni dalla periferia al centro nervoso o viceversa. Le singole informazioni che arrivano dalla periferia entrano dalle corna posteriori (vie afferenti) e danno informazione ai distretti superiori ed al Sistema Nervoso Centrale, quindi dal Sistema Nervoso Centrale o direttamente dal Midollo Spinale partono le risposte che fuoriescono dalle corna anteriori (vie efferenti) e vanno alle unità motorie e si trasformano in movimento.